CLIMA SECONDO NATURA / Pianeta terra

Editor: Fabrizio Carbone
TUTTI GLI ARTICOLI Cambiamenti climatici Diritti civili Global Warming Perle di saggezza Pianeta terra Statistiche clima
Giu152018

12 banche finanziano un nuovo mega oleodotto.

Pianeta terra

Dopo l’oleodotto voluto da Trump e costruito a Standing Rock (la riserva abitata dai nativi americani Sioux) un nuovo maxi oleodotto minaccia il Nord America.

E questa volta il progetto è finanziato da un esercito di 12 banche: JP Morgan Chase, Citibank, Credit Suisse, Deutsche Bank, Barclays, Bank of Tokyo Mitsubishi, BBVA, Credit Agricole, Mizuho, Royal Bank of Canada, Toronto Dominion, e Wells Fargo.

FERMIAMOLI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!


Il progetto che è stato presentato prevede la costruzione di una vera e propria superstrada del petrolio: 1150 chilometri di tubi che per essere costruiti avranno un impatto distruttivo su ambiente e comunità locali.

 

RESIST! Su ambiente e clima non c'è tempo da perdere! 

BASTA oleodotti e soldi nelle casse dei petrolieri. Chiedi alle 12  banche di non finanziare l’oleodotto TMEP

FIRMA ORA

 

Ci sono migliaia di ragioni per opporsi a questo folle progetto.

La prima è sicuramente il rischio degli sversamenti di petrolio in seguito a perdite degli impianti, che purtroppo sono molto frequenti.

Da quando è stato costruito l’oleodotto Dakota Access di Energy Transfer Partners (DAPL), ad esempio, è già stato soggetto a diverse perdite, ed uno sversamento consistente di questo impianto, metterebbe a rischio l‘accesso all’acqua potabile per 17 milioni di persone.

 

Ma c’è molto di più: ogni giorno un numero imprecisato di petroliere trasporterà il greggio attraversando la tratta dal Mare di Stalish a sud di Vancouver dove vivono gli ultimi 76 esemplari della popolazione di orche meridionali, già a rischio di estinzione. Questo traffico per loro potrebbe essere fatale.

 

Ancora una volta persone, animali e territorio sono sacrificati sull’altare del profitto.

 

AIUTACI A FERMARLI

 

Non arrendiamoci. Chiedi alle 12 banche coinvolte finanziariamente di fare un passo indietro, per rispettare i diritti dei popoli indigeni, proteggere l’ambiente, difendere l’accesso all’acqua potabile e fermare il cambiamento climatico. FIRMA LA PETIZIONE