CLIMA SECONDO NATURA / Pianeta terra

Editor: Fabrizio Carbone
TUTTI GLI ARTICOLI Cambiamenti climatici Diritti civili Global Warming Perle di saggezza Pianeta terra Statistiche clima
Feb012019

Arriva la neve ma non credete alla bufala dell’apocalisse bianca.

Pianeta terra

© LA STAMPA – VENERDÌ 1 FEBBRAIO 2019

 

Febbraio inizia con una bella nevicata anche in pianura al Nord-Ovest, ma non sarà una temibile «apocalisse bianca» né una «bomba di neve» come annunciato da alcuni siti di (dis)informazione meteorologica che hanno come obiettivo solo l’acchiappaclick per fini pubblici-tari. Prevedere le quantità di neve è difficile, soprattutto quando, come oggi, le temperature sono attorno a 0 °C, e pochi decimi di grado fanno la differenza tra un rapido accumulo al suolo e un nevischio bagnato.

 

Tuttavia a Torino la depressione atlantica «Pirmin» dovrebbe depositare circa 10 centimetri di manto, un episodio del tutto ordinario per il clima della città subalpina, che potrebbe risultare simile a quelli dell’11 febbraio 2013 (8 cm) e del 5 febbraio 2015 (10 cm). Se eventi di questo tipo ci sorprendo-no è anche perché arriviamo da inverni sempre più miti e meno nevosi, e siamo quindi meno preparati ad adattare il nostro frenetico stile di vita: sulla pianura torinese infatti la quantità media annua di ne-ve fresca nell’ultimo trentennio si è più che dimezzata rispetto ai due secoli precedenti, passando da 50 a 18 cm, e prima del 1990 una nevicata di 10 cm era comune un paio di volte l’anno. Asti e Alessandria, più esposte all’umidità marittima attraverso il basso crinale appenninico, oggi saranno un po’ più colpite con una ventina di centimetri di neve, quantità che potrebbe perturbare il traffico, ma pro-prio grazie alle previsioni meteo oggi affidabili, che annunciano da giorni l’evento nevoso, non sarebbe difficile assumere le precauzioni per ridurre i disagi ed evitare una chiusura delle scuole forse eccessiva. Cosa si farebbe con una nevicata da mezzo metro?L’episodio nevoso si ridurrà di intensità verso oriente, a Milano e Piacenza dovrebbero cadere circa 5 cm, mentre da Brescia verso le Venezie i miti venti meridionali porteranno solo pioggia battente.

 

Quanto alla montagna, Alpi Marittime e centro-orientali sono i settori candidati a ricevere le nevi-cate più generose, anche oltre 70 cm; mezzo metro pure in alta Val Susa, mentre Aosta e dintorni dovranno accontentarsi di 5-15 cm: benvenuta neve sui prati rinsecchiti e sulle piste da sci in affanno dopo due mesi di secco, ma attenti alle valanghe. L’Appennino Ligure e Tosco-Emiliano, investito dalle tiepide correnti da Sud-Ovest, vedrà pioggia fin verso i 2000 metri, e nelle vallate tra l’alto Alessandrino e l’Emilia potrebbe presentarsi l’insidioso gelicidio (pioggia congelantesi); mareggiate sulle coste. Il rapporto ansiogeno con un evento meteorologico pressoché normale tradisce la nostra sempre maggior lontananza dal mondo naturale, un imbozzolamento della società in territori artificializzati a clima controllato, riscaldati d’inverno, raffrescati d’estate, che deresponsabilizzano le persone dal confrontarsi con la realtà: così quando si scivola sulla neve perché si sono messe le scarpe sbagliate, invece di star più attenti si sporge de-nuncia contro il municipio perché non ha sparso abbastanza sale, che poi inquina le falde acquifere e corrode le strade.

 

di Luca Mercalli

 

(CC) BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI