CLIMA SECONDO NATURA / Pianeta terra

Editor: Fabrizio Carbone
TUTTI GLI ARTICOLI Cambiamenti climatici Diritti civili Global Warming Perle di saggezza Pianeta terra Statistiche clima

Domenica 7 aprile, Milano, Marathon Charity Program: Runner4Lanner

Pianeta terra

Runner4Lanner non è uno scioglilingua. Vuol dire “Correre per il Lanario” nella maratona del 7 aprile a Milano dove chi vuole si mette in gioco per chiedere fondi per progetti importanti.

Domenica 7 ottobre infatti ci saranno staffette di amanti della natura e della sua protezione che correranno con una maglietta con l’immagine  del Lanario, dipinta da Marco Preziosi, uno tra i wild artist italiani di maggior spicco.

 

disegno di Marco Preziosi

Il Lanario è un bellissimo falcone che la crudeltà e la stupidità umana stanno per far scomparire dall’Italia. Il Lanario fa i suoi nidi nella nostra penisola, il luogo più a nord di tutto il suo areale (aree desertiche e semidesertiche dell’Africa e dell’Asia).

In Italia la popolazione del Lanario è crollata del 50 % a causa della continua predazione delle uova e dei piccoli appena nati da parte di quegli scellerati che commerciano animali protetti dalla legge per rimpinguare il cosiddetto “sport” della falconeria.

 

Ma non solo. Il Lanario sta scomparendo per la distruzione degli habitat dove è solito fare il nido, per la mancanza di etica da parte di fotografi e appassionati che si avvicinano troppo ai nidi per fare foto da mettere su FB per avere un “mi piace”.

I ricercatori ritengono che, come avviene per tutta la fauna ornitica, anche i cambiamenti climatici sono responsabili del crollo della popolazione di questa specie.

 

Runner4Lanner è un’iniziativa di EBN Italia (European Bird Net),l’organizzazione no profit presieduta da Luciano Ruggieri, che raccoglie migliaia e migliaia di appassionati  nello studio, la ricerca e l’osservazione degli uccelli. Grazie al volontariato di questi birdwatcher in Italia siamo in grado di conoscere l’entità delle popolazioni, lo stato di conservazione, le rotte migratorie e le specie rare che, occasionalmente, arrivano lungo le nostre coste e le nostre aree collinari e montane per motivi di spostamenti che sono tutti monitorati e in corso di studio.