CLIMA SECONDO NATURA / Pianeta terra

Editor: Fabrizio Carbone
TUTTI GLI ARTICOLI Cambiamenti climatici Diritti civili Global Warming Perle di saggezza Pianeta terra Statistiche Statistiche clima

Il covid-19 ha ucciso Paulinho Paiakan, un grande leader dei popoli indigeni dell’Amazzonia

Pianeta terra

Un minuto o un’ora di silenzio, in mezzo al grande baccano del mondo di oggi, per onorare la figura di Paulinho Paiakan, leader indiscusso del popolo Kayapò che abita la valle dello Xingù, uno dei 1100 affluenti del Rio delle Amazzoni.

“Paulinho Paiakan mentre viene intervistato da Fabrizio Carbone per il programma Mixer, Altamira 1989”

Se l’è portato via il Covid-19. Non ci erano riusciti i garimpeiros, i cercatori d’oro fuori legge, né i queimadores e i madedeiros, i tagliatori illegali della foresta, né i fazendeiros, i latifondisti che tutto possono perché corrompono le autorità locali e usano i pistoleros per uccidere chi non sta dalla loro parte. E neppure tutta quella schiera di malfattori che sono in combutta  per distruggere la Mata Virgem, la grande foresta pluviale, uno dei polmoni del mondo.

Chi scrive aveva conosciuto Paulinho 31 anni fa ad Altamira, nello stato amazzonico del Parà, quando i Kayapò organizzarono un incontro con gli altri popoli della foresta per protestate contro il progetto di sbarrare il fiume con una serie impressionante di elettrodighe, che avrebbero allagato milioni di ettari di foresta, portato la fame e la malaria.

Chi scrive intervistò Paulinho per un servizio speciale di Mixer il programma televisivo che allora dirigeva Giovanni Minoli.
Chi scrive l’Amazzonia la conosceva dal 1972, dal primo viaggio per incontrare gli Yanomani.

Chi scrive nel 1993, scrisse un saggio “I gironi infernali dell’Amazzonia, adottato come testo universitario alla Sapienza di Roma che a leggerlo oggi sembra scritto poche ore fa.

Onore a Paulinho e disonore a tutti quelli che oggi, con il presidente del Brasile Bolsonaro, vogliono far scomparire questo paradiso naturale, eliminare gli indios e fare terra per allevamenti intensivi di bestiame, per coltivare sterminate piantagioni di soia e mais transgenici. Purtroppo un alleato di questa genia è il Covid-19 che può sterminare popolazioni che non hanno anticorpi per il morbillo o la scarlattina, figuriamoci per quest’ultimo micidiale virus.