CLIMA SECONDO NATURA / Perle di saggezza

Editor: Fabrizio Carbone
TUTTI GLI ARTICOLI Cambiamenti climatici Diritti civili Global Warming Perle di saggezza Pianeta terra Statistiche clima
Nov152018

Va in scena il fossa, il predatore del Madagascar.

Perle di saggezza

Come sempre incredibili baggianate audio a fronte di splendide immagini video. Questa volta il documentario presenta il Madagascar, la quarta isola più grande del mondo e potrebbe essere l’occasione per parlare della distruzione dell’ottanta per cento della sua foresta primaria per far posto a piantagioni di palma da olio e agricoltura intensiva. Nulla di tutto questo, come se il disastro ambientale non esistesse.

 

Quello di cui invece si parla è l’eterna lotta tra predatori e predati. La voce narrante enfatizza la caccia che il fossa, il mammifero carnivoro, il predatore per eccellenza dell’isola, intraprende per mangiare. Le sue prede potrebbero essere gli inri, bellissimi lemuri bianchi e neri.Potrebbero, ma loro, saltando di albero in albero, se ne vanno e così…sentite cosa succede, testualmente: “I denti del fossa assicurano che la vittima sia uccisa all’istante”.

 

Il Fossa / “Cryptoprocta ferox”

 

Una frase così tortuosamente costruita da meritare un premio letterario a parte e un applauso del pubblico pagante.

 

Ma non è finita. Cosa è riuscito a uccidere all’istante il predatore con i suoi denti? Un piccione! Questo lo sconvolgente finale della drammatica storiella. Poi naturalmente si deve raccontare quanto misterioso, mitico e stravagante sia il Madagascar: E qui entra in scena l’aye aye, un piccolo lemure notturno.

 

Aye Aye / “Daubentonia madagascariensis”

 

E’ un animaletto che mangia larve, totalmente innocuo ma se si avvicina a un villaggio crea il panico e la fuga dei malgasci perché è ritenuto un animale demoniaco…

 

Insomma un vero documentario divulgativo di storie naturali, formativo per la conoscenza di giovani e appassionati viaggiatori. Ripetiamo non un cenno a centinaia di migliaia di ettari di foreste perdute ma storielle da quattro soldi.